Se possiedi un giardino nel quale cresce l’erbetta del prato che regolarmente sei costretto a falciare ed hai spazio per poter tenere in un angolino delle casse contenitori, non ci pensare due volte, comincia a creare del buon terriccio con i rifiuti organici che produci in casa insieme con quelli che si formano nel tuo giardino.

Occorrente
4 grandi cassette di legno
Giardino
Rifiuti organici

Predisponi in un angolo lontano e nascosto del tuo giardino quattro casse di legno (quelle grandi della frutta andranno benissimo purchè alla base non ci sia troppo spazio fra una listella e l’altra della cassetta).
Le quattro cassette costituiranno una compostiera nella quale mettere i tuoi rifiuti organici.

Le prime tre dovranno essere vuote e la quarta dovrà contenere una decina di cm di terra.
Nella prima cassetta dovrai mettere tutti i resti organi dei tuoi pasti: ogni tipo di cibo rimasto, le bucce della frutta e i resti di ogni tipo di verdura cotta o cruda.
Insieme ai rifiuti organici della tua casa aggiungi l’erba falciata del tuo prato, quella che di solito vai a gettare nei bidoni della spazzatura più vicini casa e le foglie secche e marce.

Quando il volume dei rifiuti organici si abbasserà almeno della metà, riversane il contenuto nella seconda cassetta e continua a riempire la prima con lo stesso tipo di rifiuti organici.
Per effetto della fermentazione il livello dei rifiuti scenderà ulteriormente e diventerà una specie di composto simile a terriccio.
Mischia il composto con la terra contenuta nella terza cassetta: il terriccio è pronto, è diventato un ottimo concime naturale.
La quarta cassetta ti potrà servire per la raccolta di rifiuti organici in eccesso.